Perizia econometrica- Reasset Anatocismo

PERIZIA ECONOMETRICA

Lo strumento indispensabile per l’accertamento dell’ANATOCISMO, USURA BANCARIA, SPESE e COMMISSIONI ILLEGITTIME.

COMPILA IL FORM PER RICHIEDERE LA CONSULENZA

Perchè rivolgerti a Reasset Anatocismo?

Siamo uno studio tecnico di professionisti esperti in materia legale e finanziaria che opera da oltre 10 anni a fianco di imprenditori e consumatori.

Lavoriamo fianco a fianco con avvocati specializzati in diritto bancario.

Centinaia di casi di successo, in tribunale e nelle attività di negoziazione con gli Istituti di Credito.

Seguiamo il cliente dalla fase iniziale fino alla conclusione di tutto il contenzioso, realizzando la migliore strategia per il recupero dei crediti sottratti illegittimamente.

Operiamo in tutta Italia.

Chi si è già affidato a noi

Marzia Melia
Marzia MeliaImprenditrice
Read More
Professionali e puntuali. Hanno risolto brillantemente un problema che ho avuto per anni e mi hanno fatto recuperare gli interessi indebiti che avevo dovuto pagare ad un istituto di credito bancario. Lo consiglio!
Andrea Lo Faso
Andrea Lo FasoAvvocato
Read More
Ottimi professionisti, esperti della materia; la collaborazione con REASSET ha prodotto importanti risultati anche per i miei Clienti. Assolutamente consigliato.
Cristina Cicero
Cristina CiceroImprenditrice
Read More
Professionisti attenti alle esigenze del cliente, preparati e sempre disponibili.
Armando Longo
Armando LongoAvvocato
Read More
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Orazio Costanzo
Orazio CostanzoImprenditore
Read More
Ottimi professionisti. Eccellente risultato. Abbiamo ottenuto rimborso dalla banca grazie alla loro collaborazione.
Previous
Next

Perizia Econometrica, uno strumento indispensabile qualora tu decida di affrontare la banca, o sia costretto a farlo, in sede giudiziale o stragiudiziale

La perizia econometrica, detta anche analisi econometrica, è un documento ufficiale. Viene redatta da professionisti specializzati in analisi finanziaria o dottori commercialisti con comprovata e consolidata esperienza nell'ambito del contenzioso bancario. Tale materia, il contenzioso bancario, è in giornaliera evoluzione, necessaria una comprovata conoscenza ed esperienza maturata sul campo per poter competere, in modo vincente, con la controparte, ovvero i legali ed i tecnici delle banche.

I 6 punti di forza della Perizia Econometrica

A cosa serve?

La perizia contabile viene normalmente allegata agli atti giudiziari, a supporto tecnico del legale che la utilizza.

Qualora il contenzioso sia di natura giudiziale, il tuo avvocato, o uno degli avvocati che fanno parte del nostro team se preferisci, ha la necessità di allegare all'atto di citazione o di opposizione agli atti esecutivi, la perizia. Il contenuto con le principali risultanze economiche deve, necessariamente, essere riportato nell'atto di citazione, pena il rigetto da parte del Giudice per genericità delle domande stesse.

E' un valido strumento da utilizzare in fase di negoziazione stragiudiziale con la banca.

La perizia usura bancaria evidenzia e quantifica, in termini monetari, le criticità , ovvero le anomalie nascoste ad arte dalla banca nei rapporti bancari. Essere in possesso di un documento che mette in luce, spiega, ma soprattutto, dà  un valore economico alle criticità, che spesso hanno anche rilievo penale, ti consentirà  una maggiore autorevolezza nella negoziazione con la Banca, che se vuoi possiamo gestire direttamente noi.

Per consolidata esperienza, possiamo affermare che le criticità, ovvero le anomalie insite nei rapporti bancari, costituiscono una regola e non di certo l'eccezione (Interessi anatocistici, Interessi usurari, Interessi ultra legali o non pattuiti, Commissioni illegittime).

Quali rapporti possono essere oggetto di perizia?

Per quanto il contenzioso bancario, nell'ultimo ventennio, ha visto come attori principali i rapporti di conto corrente affidati, è pacifico che tutti i rapporti bancari possono essere oggetto di analisi e quindi di perizia econometrica, perchè, come detto, la presenza di criticità ovvero di anomalie bancarie rappresenta la normalità e non certo l'eccezione.

Com'è fatta una perizia?

In primo luogo si analizza la parte contrattuale, i nostri tecnici in questa fase cercano “tra le righe” le maggiori criticità quali l’usura originaria e/o pattuizioni contro legge.

Vengono poi inseriti, in un apposito software di nostra progettazione, tutti i movimenti contabili, nel caso di rapporti di conto corrente, ogni singola riga, nel caso di rapporti quali mutui o finanziamenti, i prospetti di pagamento rate.

Utilizzando specifiche formule di matematica finanziaria, si procede poi al ricalcolo dell’esatto saldo epurato dalle varie anomalie rilevate e quantificate.

Come detto, la perizia viene redatta da esperti analisti finanziari, necessario però non utilizzare un linguaggio troppo tecnico, al fine da rendere comprensibile il lavoro anche ai clienti o all’Avvocato che dovrà riversare nel corpo dei suoi atti la sintesi del nostro lavoro.

A tal fine, di norma, il lavoro viene diviso in più parti:

Perizia Econometrica conto corrente- Esempio

Per meglio comprendere come sono costituite le perizie econometriche, riportiamo di seguito un estratto, tratto da una perizia anatocismo prodotta nel giudizio promosso contro primaria banca.

Grazie alla nostra perizia, l’azienda cliente è riuscita a raggiungere un accordo transattivo con la Banca ed abbattere drasticamente il suo debito. 

L’analisi econometrica aveva per oggetto due rapporti di conto corrente ordinario con un fido rispettivamente di € 60.000,00 e € 25.000,00, che denominiamo per semplicità CONTO 1 e CONTO 2.

Le anomalie rilevate:

  • CONTO 1: Il tasso debitore esposto in contratto è pari al 6,50%. La banca ha costantemente applicato interessi superiori alle pattuizioni, con un tasso medio applicato pari al 10,23%. Gli interessi sono stati riportati entro le pattuizioni.
  • CONTO 2: Il contratto di apertura di credito riporta una pattuizione del tasso debitore in usura originaria. Il tasso pari a 14,75% supera il tasso soglia vigente pari al 13,68%. Il ricalcolo è stato eseguito espungendo gli interessi debitori ex art. 1815 cc.

In relazione alle CMS, su entrambi i rapporti, le pattuizioni sono indeterminate, non vengono esplicitate le modalità di calcolo, per tale motivo si espungono. Sulle altre commissioni viene superato il tetto max dello 0,50 % trimestrale in violazione alla normativa, per questo motivo si espungono dal ricalcolo.

Alla luce delle anomalie rilevate e dei ricalcoli effettuati, i risultati sono questi:

CONTO 1:

Saldo Banca: € -63.815,50

Saldo Ricalcolato: € -7.104,99

CONTO 2:

Saldo Banca: € -53.485,53

Saldo Ricalcolato: € -13.495,99.

Secondo i nostri risultati, l’azienda  avrebbe ridotto drasticamente il suo debito, da € -117.301,00 si riduceva ad € -20.600,98.

Abbiamo pertanto consigliato al cliente di citare in giudizio la banca contestando le anomalie/illeciti da noi rilevati.

In corso di causa, la banca, consapevole della sua condotta non conforme alla normativa, ha preferito trovare un accordo con la società cliente.

Così il debito è stato abbattuto di oltre il 75% facendo versare al cliente solo € 25.000,00, peraltro dilazionati in 30 rate mensili.

Perizia Econometrica mutuo- Esempio

Precedentemente abbiamo visto un esempio di perizia anatocismo svolta su un conto corrente, vediamo adesso un estratto di una perizia mutuo usurario.

Dall’analisi della documentazione analizzata, si rileva la presenza di pattuizioni in usura originaria in relazione alla clausola sugli interessi corrispettivi.

Includendo nel computo del TEG ( tasso effettivo globale) tutte le spese accessorie coeve all’erogazione del credito, così come da istruzioni di Banca D’Italia, si rileva un tasso effettivo applicato alla operazione pari al 4,947% contro un tasso soglia vigente pari al 3,90%. 

In tale stima ha influito, in maniera sostanziale, l’assicurazione creditor protection, costata al cliente € 12.525,48,  a fronte di un netto erogato pari ad € 121.300,00.

Il beneficiario dell’ assicurazione è la banca erogante, pertanto i costi sono da includersi certamente nel computo del TEG ( tasso effettivo globale).

Il tasso effettivo applicato al contratto risulta maggiore della soglia vigente, nulla pertanto la clausola contrattuale sugli interessi corrispettivi ex art. 1815 cod. civ.

La pattuizione prevede il pagamento di € 64.679,20 di interessi non dovuti, tale cifra deve essere restituita al cliente sottoscrittore.

Ottieni, compilando il modulo che trovi accanto, un primo incontro conoscitivo nel quale ci illustrerai il tuo problema. 

Ti ascolteremo con cura ed attenzione, offrendoti, da subito, una guida ed informazioni per aiutarti a risolvere il tuo problema. 

Analizzeremo i contratti e la documentazione bancaria/finanziaria al fine di individuare anomalie quali usura, anatocismo ed altre criticità che

POSSONO CAMBIARE I RAPPORTI DI FORZA CON LA BANCA.

Valuteremo se prendere in carico la tua posizione e ti forniremo un preventivo di spese per il nostro intervento, qualora tu accetti formalizzeremo l’incarico.

Rivolgiti ai professionisti.

COMPILA IL FORM PER RICHIEDERE LA CONSULENZA

Studio ReAsset

Sede di Torino: Via Nizza 262-10126 Torino (TO)

Sede di Catania: Viale Europa, 73- 95027 San Gregorio di Catania (CT)

N. Verde: 800592693

Mail: info@reasset.it

Share on facebook
Share on linkedin