Opposizione Decreto Ingiuntivo

COS'È

Il decreto ingiuntivo è il provvedimento attraverso il quale il giudice competente, su richiesta del titolare di un credito certo, liquido ed esigibile, fondato su prova scritta, ingiunge al debitore di adempiere l’obbligazione (pagare una determinata somma o consegnare una determinata quantità di cose, ecc.), entro il termine di quaranta giorni dalla notifica, avvertendolo che entro lo stesso termine potrà proporre opposizione e che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata. Al decreto ingiuntivo proposto da una banca o da una finanziaria, per rapporti di conto corrente, anticipi sbf, leasing, finanziamenti, etc… il giudice concede, spesso ma non sempre, la provvisoria esecuzione, ovvero il creditore potrà aggredire il debitore ed i suoi fideiussori senza aspettare la scadenza dei 40 giorni su menzionati.

COSA FARE

In entrambi i casi è possibile fare opposizione al decreto ingiuntivo proposto dalla banca/finanziaria. Per fare questo il legale scelto dal cliente dovrà avvalersi di una analisi econometrica volta ad individuare eventuali anomalie bancarie, nonché a determinare l’esistenza e il vero ammontare del debito. Comunemente si pensa che l’operato della banca sia irreprensibile, nella realtà l’utilizzo di “escamotage”, da parte delle banche, volti ad eludere la normativa vigente, è più la regola che l’eccezione. Usura, anatocismo, interessi ultra legali sono solo una piccola rappresentazione delle strategie messe in campo dagli istituti bancari per aumentare illegittimamente i loro profitti. La banca/finanziaria, dovrà inoltre, dare prova della esistenza del credito di cui al decreto ingiuntivo con documentazione adeguata. Molto più spesso di quanto si pensi tale onere viene disatteso dalla banca che promuove il decreto ingiuntivo, sapendo che con buona probabilità non verrà opposto. In assenza di opposizione, il decreto ingiuntivo diviene definitivo e non si potrà fare più nulla se non pagare.

I RISULTATI

In più di una occasione abbiamo analizzato decreti ingiuntivi, ormai definitivi, proposti dalla banca senza produzione di contratti, o con contratti non relativi alla causa proposta. Decreti ingiuntivi per cui era semplice opporsi ed ottenere ragione. In caso di opposizione e di verifica contabile eseguita in giudizio (CTU) ad oggi, non è mai avvenuto, mai, che le somme richieste dalla banca corrispondessero al debito reale, in alcuni casi, facendo i conteggi, il cliente è andato anche a credito. Per tali motivi è necessario vigilare, ritirare sempre la corrispondenza, ed in caso di decreto ingiuntivo opporsi nei modi indicati. Se invece si riuscisse ad anticipare la banca, promuovendo giudizio prima del decreto ingiuntivo, la strada sarebbe maggiormente agevolata (blocca la banca).

Richiedi una pre-analisi gratuita.

Ho letto e accetto la Privacy Policy (Regolamento UE 2016/679).

Telefono

+39 095 594 2423

Email

info@reasset.it

Come Funziona

1.

Contatta lo Studio ReAsset per concordare la pre-analisi dei rapporti bancari compilando il form in alto, inviandoci una mail o chiamando ai nostri uffici.

2.

Inviaci tutta la documentazione necessaria per la verifica. Ecco cosa ci serve per la preanalisi.

Conti correnti
Gli estratti conto ed estratti conto scalare dei conti che si intende porre ad analisi, più estratti conto si possono consegnare meglio è.
Mutui finanziamenti
Contratto di mutuo o finanziamento completo;

Piano di ammortamento

In caso di rimborsi anticipati parziali o estinzioni anticipate l’evidenza dei versamenti;

Prova di spese accessorie collegate al finanziamento ( assicurazioni, consorzi fidi, compenso per mediatori);

Leasing
Contratto di Leasing;

Documento di sintesi;

Fatture e note di credito relative al contratto di leasing;

Prova di spese accessorie collegate al finanziamento ( assicurazioni, consorzi fidi, compenso per mediatori);

Prodotti derivati
Contratto quadro di riferimento stipulato con la banca;

Contabili di pagamento;

3.

Attendi la nostra valutazione e il documento di conteggio sintetico che ti invieremo in tempi brevi e ragionevoli.

4.

Valutiamo insieme le somme complessive e potenzialmente ripetibili alla banca.

5.

Scegli tu se proseguire o meno con il recupero delle somme. Hai 3 possibilità:

INIZIA UN’AZIONE GIUDIZIALE CON NOI

Potrai contare sull’assistenza degli Avvocati interni allo Studio ReAsset, specializzati in diritto bancario.

RICHIEDI LA PERIZIA ECONOMETRICA E PROCEDI COI TUOI LEGALI

Ti forniremo tutti i documenti per intraprendere un’azione legale con i tuoi avvocati di fiducia.

INIZIA UNA FASE DI MEDIAZIONE CON LA BANCA

Produrremo una perizia econometrica. Avrai a fianco i nostri professionisti che ti aiuteranno a raggiungere un accordo.

PERIZIA ECONOMETRICA

La perizia/analisi econometrica o consulenza tecnica di parte (C.T.P.) viene realizzata attraverso l’utilizzo di software proprietari, ovvero dai noi realizzati.
La perizia evidenzia il recupero delle somme illegittimamente riscosse dalla banca e permette di intavolare una trattativa con l’istituto, o di promuovere una azione giudiziale, garantendo al cliente una maggiore tutela.
É necessario produrre tale documento in tribunale per la per l’inizio di una causa.
È uno strumento di vitale importanza soprattutto quando la banca richiede un perentorio rientro sul fido o quando si riceve un decreto ingiuntivo.