Cosa sono i tassi di soglia?

Il tasso di soglia è un limite dettato dalla legge che si applica ai prestiti, superato il quale si rischia di entrare in usura bancaria. Il limite è oggettivo ed identificato da una aliquota percentuale (%).

Se la banca o la finanziaria lo supera con la vendita di un prodotto, cade in un illecito civile o penale. Ogni tasso soglia è costituito sempre da due parti:

  • Il Tasso Effettivo Globale Medio.
  • Il limite massimo invalicabile, cioè lo Spread.

Il TEGM. È una rilevazione vera. La media aritmetica dei tassi di interesse realmente applicati alla clientela da tutte le banche italiane, per ogni singola categoria di prodotto.

Lo spread. È una percentuale secca: il 25% del TEGM + 4 punti percentuali. In ogni caso, lo spread non può mai superare gli 8 punti percentuali.

Il tasso di usura. La somma tra TEGM e spread è il tasso di usura, cioè il limite invalicabile, oltre il quale si pagheranno somme non dovute e non pattuite, con la banca o l’istituto di credito che commettono un grave illecito, trasformando un mutuo o finanziamento in usura, condannata dall’art. 644 del c.p., con aggravanti proprio per operatori finanziari professionali.

Per quanto il tasso di soglia sia un limite invalicabile determinato per legge, va comunque considerato che varia ogni tre mesi, in base a un decreto del Ministero dell’Economia e Finanze